top of page
  • Immagine del redattoreGiada Ulivi

Portami con te

Portami con te

lungo discese sconfinate

per mari inesplorati

portami con te.

Su di un ponte tra cielo e terra

dentro il buio del passato

a rotta di collo e poi immobili

portami con te.

Nel turbinìo del mondo

silenziosamente tra lacrime e sorrisi

spighe di grano al sole

foglie spente un attimo prima del distacco.

Lascia. Lascia andare.

Tienimi senza tenere

tienimi forte

scuoti le membra affamate

carezza lì quel dolore solo e stanco

e

stanco

lucida guardia alla porta

sposta con dovizia la polvere senza far caso

al caos ché a caso non è.

Su e giù vola alto

in intimità e pericolo

ancora

ora

sì, ora

portami

oh, vita

portami.

Con te.

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Fuga

Comentários


Os comentários foram desativados.
bottom of page